15/03/2018 – Il 2018 si riconferma per GecoHotels un anno importante con un calendario di appuntamenti tra i più ricchi proposti in Italia da un network alberghiero, denso di incontri e presentazioni. Sono previsti infatti 52 eventi complessivi, di cui 36 nazionali e 16 internazionali, 37 dedicati al settore lesure e 15 a quello Mice. Nei primi mesi dell’anno lo staff di GecoHotels incontrerà oltre 300 operatori turistici in occasione delle principali manifestazioni nazionali ed internazionali e di eventi specializzati, oltre a numerosi “Business Trip” con incontri “one to one”. Dopo le grandi fiere della Bit di Milano e l’Itb di Berlino, il prossimo evento fieristico sarà il 23-24 marzo alla Bmt di Napoli, dove il network GecoHotels – Chosen by parteciperà ai workshop in programma. I successivi grandi eventi fieristici che vedranno Geco fra i partecipanti saranno l’Rda a Friedrichshafen e l’Arabian Travel Market a Dubai. Quindi sarà la volta dell’Imex a Francoforte. Da segnalare la presenza di Geco alla fiera Biteg che si terrà a Cuneo dal 27 aprile al 1° maggio. Geco partecipa agli eventi scegliendo di volta in volta la formula più adatta per raggiungere il miglior risultato. Lo staff di professionisti di GecoHotels mette il proprio know-how al servizio degli albergatori e di piccoli gruppi alberghieri. «Saremo a disposizione per presentare le nostre specialità di intervento destinate alle strutture rappresentate dal network – specifica Marco Fabbroni, amministratore unico di Geco – al fine di potenziarne lo sviluppo e massimizzarne la redditività. La nostra mission è quella di affiancarci al management delle strutture ricettive nella loro promozione, gestendo in outsourcing il marketing e lo sviluppo commerciale sia online che offline. L’enorme vantaggio di far parte del network GecoHotels – Chosen by Travellers è poter accedere a risorse competenti e specializzate con un’esperienza di oltre 30 anni nel settore alberghiero. Tutto questo ad un costo compatibile con le risorse delle singole strutture, che spesso non potrebbero permettersi di assumere uno staff dedicato e, soprattutto, una presenza così massiccia a fiere e workshop come quella del nostro piano commerciale».